The Great Wall

La grande muraglia cinese è una delle sette meraviglie del mondo moderno. Costruita per volere del primo imperatore della dinastia Qin e proseguita nel corso dei secoli, era la spettacolare linea di difesa dell’impero cinese. Ancora oggi resiste al tempo e all’azione dell’uomo e sulla sua costruzione la storia non ha molti dubbi. Tuttavia la storia per molti è noiosa e quindi cosa c’è di meglio che creare leggende ad hoc per blockbuster hollywoodiani? O meglio cino-hollywoodiani, visto che The Great Wall è un film in co-produzione, il più costoso mai girato in Cina. Sono ben 135 i milioni di budget a disposizione, una somma imponente che mette la sceneggiatura di Tony Gilroy e soci al servizio di un regista tra i più amati in patria: Zhang Yimou. Il cineasta della cosiddetta “quinta generazione” è un artista apprezzato ormai a livello mondiale, da quando il suo Hero è approdato in occidente. Ma Yimou è un regista importante non certo per gli ultimi film fatti bensì per opere ben più distanti, da Sorgo Rosso, Orso d’oro a Berlino ’88, a Ju Dou e Lanterne Rosse, quest’ultimi lavori che gli portarono l’ostilità del governo cinese. Insomma, vederlo al timone di una produzione tanto costosa non sorprende, ma per quanto in un primo momento possa apparire rassicurante, ci si rende conto ben presto che, forse, l’impressione è giusta solo a metà.

Polemiche legate al whitewashing a parte, il film racconta le gesta di William e Tovar, mercenari giunti in Cina per la polvere nera, arma che intendono rivendere in occidente. I loro piani vengono però rovinati dai Taotie, feroci creature che ogni sessant’anni cercano di invadere la Cina e che la grande muraglia serve ad arginare. Sulle mura saranno costretti a unirsi all’Ordine senza nome, gruppo scelto di uomini e donne il cui scopo è quello di difendere il Paese dagli attacchi dei mostri.

The Great Wall, in fondo, non ha molto da raccontare e il problema principale è proprio questo. Da una parte c’è l’impatto visivo che Zhang Yimou riesce sempre a dare, scenografie e fotografia di rara bellezza estetica, un cromatismo splendido che rende la visione una gioia per gli occhi, coreografie che paiono danze di guerra. A fare da contraltare, però, ci sono una scarsa caratterizzazione dei personaggi, il più delle volte scadente nel cliché e, in generale, un disinteresse crescente e progressivo nella narrazione. Più il film prosegue, infatti, maggiore è la sensazione che la storia venga lasciata da parte, senza logica, in una superficialità fastidiosa che tocca anche i personaggi, dal banale William di Damon all’inconsistente Ballard di uno sprecatissimo Willem Dafoe.

Il film fatica sinceramente a lasciare qualcosa che lo spettatore possa ricordare, se non forse l’impianto scenico sostenuto da battaglie di colori notevoli. Purtroppo si riduce tutto a questo e nemmeno la presenza di Andy Lau aiuta il film ad andare oltre il mero compitino. Zhang Yimou fa quello che sa fare meglio, riuscendo persino a equilibrare due scuole cinematografiche differenti, portando su schermo uno scontro fantasy che ricorda da vicino il Jacksoniano Fosso di Helm, ma non basta. Alla fine, detto con sincerità, si riduce tutto alla semplice scelta di cosa vi interessa guardare. Perché sebbene il fine produttivo non fosse questo, se volete staccare il cervello e divertirvi con spettacolarità senza sostanza, The Great Wall è il film giusto. Se invece cercate Storia e grandi emozioni, è meglio volgere lo sguardo altrove.

The Great Wall

2016

Regia: Zhang Yimou

Cast: Matt Damon, Pedro Pascal, Andy Lau, Tian Jing, Willem Dafoe

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...