Paesaggio bergamasco

Nel mio ultimo articolo abbiamo parlato dell’importanza del ruolo dell’agricoltura nella tutela del paesaggio. Ma vorrei approfondire questo aspetto.
La provincia di Bergamo è una provincia di 1,108,000 abitanti e ha una superficie di 2,746 km quadrati. Come diceva il poeta (di famiglia bergamasca) Torquato Tasso:

« Terra che il Serio bagna e il Brembo inonda,
che monti e valli mostri a l’una mano
ed a l’altra il tuo verde e largo piano,
or ampia ed or sublime ed or profonda »

Già nel XVI secolo in poche righe Torquato sottolineava il carattere peculiare della nostra provincia: il legame tra monti, valli e la grande pianura, e l’incredibile legame del territorio con i suoi fiumi e i caratteri dei suoi fiumi, che bagnano, ma anche inondano.

Il territorio montano e il collinare vivono il loro legame con la natura e percepiscono il beneficio di una cultura che la curi, che la utilizzi, ma che la coltivi, che faccia coltura, che poi non è molto lontano da cultura (=avere cura).

A fronte di una superficie di 270.000 ettari totale 140.000 sono terreni agricoli, di cui 71.000 ettari sono effettivamente coltivati. 6.700 sono i terreni coltivati in collina, e poco meno in montagna. La maggior parte del territorio coltivato è in pianura con quasi 23.000 ettari coltivati a mais (2013).
Ho raccolto i dati da varie fonti che talvolta danno numeri contrastanti, ma nel contesto della discussione di oggi teniamoli buoni, non è importante una precisione all’ettaro.

corn-on-the-cob-1690387_960_720

6.445 sono le aziende, il 36% in montagna mentre il 19% in collina. Si deduce come è ovvio una presenza di grande aziende in pianura, e una frammentazione della struttura imprenditoriale agricola in montagna dove a fronte di pochi terreni coltivati si cono circa un terzo delle aziende agricole. Ciò significa aziende piccole, familiari, allevamenti con terreni a pascolo, senza coltivazioni. Come è ovvio peraltro.
Ma pensiamo all’effetto della presenza dell’agricoltura in montagna: mantenimento dei boschi, dei pascoli, cura del paesaggio con un effetto benefico alla sicurezza delle vallate, mantenendole vive controllandone l’abbandono già avviato da decenni. L’agricoltura di montagna oggi come non mai avrebbe la possibilità di convertire, investire in culture adatte alla montagna a più alto valore aggiunto (e gustativo…) con preferibilmente il valore aggiunto della trasformazione. Pertanto frutta di nicchia, piante officinali, formaggi. Il contributo dell’agricoltura alla tutela della montagna è altissimo, benché dal punto di vista economico sia, in una provincia industrializzata come quella di Bergamo, irrilevante.
In ogni caso le DOP bergamasche riflettono la qualità delle produzioni montane, riflettendo in prodotti quali il BITTO, il Formai de Mut, l’importanza della qualità. In questo senso occorrerebbe però la tendenza del normatore ad allargare i confini di prodotti di nicchia una volta che ottengono riconoscimenti, facendone perdere le caratteristiche peculiari e di base a favore di una commercializzazione più ampia si, ma contribuendo a svalutane le peculiarità. Il taleggio oggi si può produrre quasi ovunque (a discapito di un nome molto locale), il bitto in Valtellina ad esempio è al centro di lotte per la tutela del disciplinare tradizionale a discapito del suo allargamento verso approcci meno tradizionali e più industriali che ha fatto nascere accanto alla DOP Bitto, il presidio del Bitto Ribelle, o Bitto Storico.

Lascio altri numeri suo quali magari potremmo tornarci:
In bergamasca sono allevati
111.000 bovini
300.000 suini
16.000 caprini
43.000 ovini

Sul territorio bergamasco ci sono 812 ettari di vigne. E poi?

9 formaggi DOP
158 agriturismi
22 PAT (prodotti alimentari tipici)
2 DOC (Valcalepio e Colleoni, o Terre del Colleoni)
1 DCGC (Moscato di Scanzo)

di Luciano Chenet

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...