La giustizia civile alla portata dei cittadini europei

1416403863_2222

In occasione della Giornata europea della Giustizia civile, Camera Civile di Bergamo organizza il consueto convegno per analizzare i rapporti tra la giustizia civile e l’efficienza. L’evento si terrà domani 25 ottobre 2016 alle ore 15:00 presso la Sala Traini del Credito Bergamasco in via S. Francesco d’Assisi, 4.
Parteciperanno la Presidente dell’Unione nazionale delle Camere civili Laura Jannotta che affronterà il tema della brevità degli atti, il Presidente del Tribunale di Bergamo Ezio Siniscalchi e la Presidentessa della Terza sezione civile Irene Formaggia che faranno il punto sullo stato della giustizia civile a Bergamo, Giorgio Afferni, professore di diritto privato presso l’Università di Genova, che parlerà della modernizzazione del diritto sostanziale come fattore di efficienza in con specifico riferimento alla vendita, Marco Amorese, Presidente della Camera civile di Bergamo, che parlerà del rapporto tra la giurisprudenza e l’efficienza con particolare riferimento alla transazione e, infine, Francesca Locatelli, professoressa di istituzioni di diritto processuale civile, che parlerà della brevità della motivazione.

Dal comunicato stampa arrivato in redazione:

“Il nesso tra diritto e economia è sempre più stretto. Una giustizia civile efficiente è una componente essenziale di un contesto economico efficiente. Il recente rapporto CEPEJ che mette a confronto l’efficienza dei sistemi giustizia dei Paesi membri dà un quadro contrastato del sistema giustizia in Italia. L’Italia spende per il sistema giustizia l’1,3% della spesa pubblica, più di Spagna (0,8%), Grecia (0,5%), Austria (0,8%), ma meno di Francia (1,8%) e Germania (1,6%). Tuttavia la spesa pro capite in Italia per il sistema giustizia è di 73 euro, mentre la media europea è di solo 60 euro e la spesa per il funzionamento dei soli Tribunali giudicanti (48 euro) è superiore a quello della Francia (47 euro) e della media europea. Nonostante gli ultimi anni abbiano registrato un miglioramento significativo del rapporto tra nuova litigiosità e casi risolti, in Italia, nel 2014, la lunghezza media per risolvere il primo grado di una causa civile rimane tra le più alte (pari a 532 giorni), di molto superiore ai tempi necessari in Francia (348), Germania (192), Austria (130) e della stessa Grecia (330). Tuttavia, l’efficienza del sistema giustizia non è solo efficienza del sistema processuale, ma passa attraverso norme sostanziali chiare, capacità di redigere schemi contrattuali non ambigui e orientamenti giurisprudenziali autorevoli, come insegnano anche le ricerche di Oliver Hart e Bengt Holmstrom recentemente insigniti del premio Nobel per i loro studi sul ruolo dei contratti nelle società moderne.”

Da evidenziare la presentazione del Bando che, come ogni anno, l’Unione nazionale delle Camere Civili rivolge alle scuole del triennio superiore. Gli studenti che vorranno partecipare dovranno formulare un messaggio promozionale sulla giustizia prendendo spunto dalla frase del famoso giurista ed accademico Piero Calamandrei: «La giustizia c’è, bisogna che ci sia, voglio che ci sia». Il primo classificato vincerà un premio in denaro di €800 (per maggiori informazioni, visitate il sito internet della Camera Civile).

di Redazione SMP

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...