Ciak, si vive!

044410380-742e14ff-4e5e-4e45-8d1c-a714a31593e1

C’è disagio nell’aria. Il progresso non ha portato soltanto benefici. Ha portato paure e insicurezze.

A questo punto cosa si può fare?

Si potrebbe tornare ad imparare a seminare gli alberi da frutto. A fare a meno del diversivo cittadino. Torniamo a conoscere il buono odore delle zolle di terra sotto la pioggia, il profumo delle olive appena spremute o del grano.
Leviamoci dalla bocca la pronuncia del sushi. Andate a pesca e rilassatevi guardando l’acqua che scorre nel letto dei fiumi.

Vestiamoci per piacere a noi stessi e non per piacere agli altri, non per moda.

Scegliete qualcuno da amare, qualcuno con cui farete a metà di tutto. Se quel qualcuno esiste già, tenetevelo stretto stretto e quando è sera, nonostante i mille problemi del giorno, guardatela negli occhi e sussurrategli dolci parole.

Accarezzate i vostri figli col calore degli abbracci e non con le “cose” che potrebbero desiderare.

Fermiamo gli orologi.

Andiamo piano.

Vi ricordate la luce fioca delle candele? Rilassatevi la sera, dopo una giornata di lavoro, seduti sul divano con tante candele accese, aromatizzate alla lavanda magari, sparse per la casa. Spegnete la tv.

“Tornate indietro, perché l’essere umano non è un eroe solo in virtù del suo potenziale proiettarsi in avanti. Qualche volta infatti è un eroe soltanto se in grado di tornare sui suoi passi.”

Solo così l’Uomo può vincere e il Sistema sarà destinato a perdere.

di Mattia Barcella

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...