IO VOTO

elezioni-comunali

Il voto è un diritto e anche un dovere!“. E’ la frase che si sente dire sempre prima di qualsiasi elezione, eppure viste le recenti chiamate alle urne, il livello di astensione si è fatto sempre più alto. “Se non ti occupi di politica, la politica non si occuperà di te“, frase mai più corretta, difficile però da far entrare in testa agli elettori. La disaffezione alla cosa pubblica e l’indifferenza a ciò che ci circonda non migliorano di certo la situazione attuale e la politica in genere è davvero complicata per renderla piacevole alle orecchie di molti, ma la verità è che tutto quello che viviamo in prima persona è politica, è interesse, e quindi è fondamentale attivarsi e partecipare.

In Italia, il suffragio universale con l’estensione alle donne del diritto di voto, è entrato in vigore  il 1° febbraio del 1945, qualche mese prima della fine del seconda guerra mondiale, con il secondo governo Bonomi. Ebbene, sono passati più di settant’anni e, ogni volta che veniamo chiamati a votare, ci ritroviamo sempre a confrontare i dati dell’affluenza alle urne e il vincitore è sempre e soltanto l’astensionismo.
La gente è presa dalla frenesia quotidiana, i pensieri sono tanti, gli impegni altrettanti, e di conseguenza, ci si dimentica degli appuntamenti elettorali, o meglio si pensa che tanto in questa nostra Nazione, regione, provincia e comune non cambierà mai nulla e quindi tanto vale starsene a casa.

Perché allora è importante votare? Partiamo dal concetto stesso di “democrazia”, termine greco che sta per “demos kratos” ovvero potere del popolo. E’ il popolo che viene chiamato all’esercizio di tale potere scegliendo, in modo segreto, libero ed incondizionato, coloro i quali andranno a rappresentare la volontà dei cittadini.

Votare non è soltanto un diritto, conquistato con lotte e pagato a carissimo prezzo da chi ci ha preceduti, ma rappresenta anche (e soprattutto aggiungerei) un dovere civico.
Votare vuol dire prendere posizione e generare quindi una forza politica, espressione di una scelta consapevole. Votare è lo strumento utile e necessario per l’espressione della dignità di ciascuno di noi che, a partire dal diciottesimo anno di età possiamo esercitare liberamente senza alcuna costrizione. Non importa per chi l’elettore voti, ma l’importante è che non esprima il suo diritto al voto solo per un semplice favore personale o per una raccomandazione: prima di tutto informarsi ed essere “curiosi” per poi votare in un modo ancor più consapevole!
Votare vuol dire credere in maniera profonda in un ideale ed essere fiduciosi in un cambiamento della società, partendo dal proprio comune fino ad arrivare a livello nazionale ed oltre.

Io sono fiducioso. Io voto.

di Mattia Barcella

 

Annunci

1 Comment

  1. Purtroppo,a malincuore io non voto.
    Ancora prima di entrare nello specifico delle tre liste presenti ad Alzano.
    Due di loro presentano candidati ancora indagati.L’altra porta nel simbolo il nome di un condannato per evasione fiscale.
    Votare è un dovere,ma la politica ha il dovere di presentare liste pulite.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...