BIO CHE?

3_bio

La scelta del biologico sta provocando qualche discussione in tutte le persone che ho coinvolto nel farmi aiutare nella gestione del vigneto. Per me la strada è stata chiara fin dall’inizio: è una questione di coerenza, di convinzioni, di filosofia personale e quindi, come sempre quando si parla di principi e di concetti, non ammette vie di mezzo.
Ma quali sono le posizioni che si sono contrapposte nella discussione? Riporto sintetizzando le posizioni che si contrappongono in un confronto che è un approccio non solo agronomico, ma è una diversa filosofia, di vita direi.

Motivazione per il convenzionale:
“la vigna ha sofferto, è stata abbandonata per alcuni anni, non è ancora guarita e ha bisogno di medicina, pertanto occorre un fertilizzante, di sintesi, come un ricostituente potente, occorrerà poi evitare che la vigna soffra la competizione del terreno o meglio delle sue essenze erbose, per cui un diserbo sarebbe necessario, per lasciare la vita svilupparsi; il bio è un punto di arrivo, ci arriveremo, ma dopo avere curato il malato, occorrerà avere cura nei trattamenti, per preservare la vigna da malattie, è ancora debole.”

Motivazione per il bio:
“il terreno è sano, ha un’ottima biodiversità, un concime organico bilanciato farà collaborare il terreno con la vigna, un concime chimico troppo spinto potrebbe sbilanciare la pianta, diserbiamo meccanicamente, operiamo per arricchire il terreno con un sovescio, quindi essenze erbose collaboranti, apportatrici di azoto, da interrare prima della produzione del loro seme in modo che l’azoto dei tubercoli possa rimanere nel terreno e passare alla vite, limitiamo al massimo i trattamenti, il rischio è che esagerando si scatenino delle resistenze, la vigna a Palazzago ha la fortuna di essere una vigna isolata, in un contesto verde e vario, per cui il rischio di contaminazioni è basso, diverso sarebbe una vigna sofferente in Toscana o in Piemonte in zone pesantemente coltivate e dove la monocoltura potrebbe favorire lo sviluppo delle patologie e quindi le contaminazioni. Sfruttiamo l’isolamento che è opportunità valida e forse.”

Come si vede la contraddizione è interessante ed appassionante. Non è tanto lontana rispetto ai diversi approcci che si hanno nell’affrontare le malattie da parte di alcuni medici, o addirittura alcune medicine (quella orientale e quella occidentale) o ancora un approccio antropomorfico (in accordo alle indicazioni di Rudolf Steiner).
Ripeto, la contraddizione è molta interessante, la scelta è questione di principio, ma devo dire che è ancor più interessante scoprire sempre nelle persone, nella buona fede e nella competenza, posizioni spesso totalmente contrapposte benché tutte finalizzate sempre ad uno stesso scopo.

di Luciano Chenet

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...