UNA RECENSIONE PER PES 2016

VALUTAZIONE 7,5/10

C’era molta attesa intorno al gioco di calcio targato Konami, che nell’edizione precedente sembrava essere tornato competitivo dopo una serie di titoli scadenti. Possiamo dire che le attese sono state confermate, in quanto la casa giapponese ha saputo mantenere e migliorare quanto di buono visto con PES 2015. Abbiamo giocato diverse partite, constatando come il gameplay sia sostanzialmente rimasto quello dell’anno scorso con qualche miglioramento in termini di IA (sia dei compagni di squadra che della CPU), nei movimenti dei giocatori (molto realistici) e nella fisica del pallone . Personalmente ho trovato leggermente lenta la risposta ai comandi rispetto al titolo precedente, un piccolo difetto che va a macchiare il buon lavoro svolto nel comparto tecnico.

pes2016-gamescom-bmh_vs_prt
( L’impatto visivo di Pes 2016: Konami ha sicuramente svolto un gran lavoro a livello tecnico. )

Non sono soddisfatto invece per quanto riguarda il database: ancora presenti le leghe PES, con squadre e giocatori inventati; della Bundesliga presenti le poche squadre che giocano la Champions League; molte, troppe squadre ancora senza licenza. Da rivedere anche la scelta di non inserire la MLS americana: il calcio negli Stati Uniti è in crescita (gli approdi di campioni come Pirlo, Gerrard e Lampard ne sono la prova) e secondo me sarebbe stata buona cosa provare a dare filo da torcere a Fifa, che negli USA domina incontrastato. Serie B italiana: va bene i nomi tarocchi, ma almeno nelle maglie impegnatevi un minimo. Le rose non sono aggiornate e Konami ha già annunciato una duplice patch: con la prima, in uscita l’1 Ottobre, cominceranno i live updates per le modalità online (escluso myclub), mentre la patch definitiva uscirà il 29 Ottobre e prevederà un completo aggiornamento dei roster più il live update per myclub.

large
( Questo capitolo vede anche l’introduzione di una parziale personalizzazione delle esultanze, che avrà come risultato una serie di interazioni molto realistiche in diverse zone del campo. )

Per quanto riguarda le novità, abbiamo sperimentato il meteo variabile durante la gara: bello vedere come questo influisce sulla fisica del pallone, sui giocatori e di conseguenza sulla partita. La nuova veste grafica della Master League piace, bene anche le novità implementate: su tutte, ho trovato molto utile la possibilità di procedere con più lentezza durante il periodo delle trattative (in modo da avere più tempo per concludere le operazioni) e originale l’inserimento dei “ruoli squadra”. Questi permettono ai giocatori di essere identificati come elementi chiave della propria squadra: ad esempio, un “leader” avrà un bonus di condizione quando si gioca un derby o una partita chiave; una superstar invece vi darà un maggior introito da merchandise, sponsor e un bonus nel caso in cui sia capitano. Novità importante anche per quanto riguarda myclub: sarà infatti possibile utilizzare un giocatore della vostra rosa come “allenatore” per un altro giocatore, in modo che possa migliorarne le statistiche. Proprio nella modalità myclub Konami mostra riconoscimento verso i propri clienti affezionati, con un bonus di benvenuto che vi permetterà di costruire una rosa competitiva già dalle prime battute. L’online funziona già a meraviglia, grande stabilità e fluidità. Tornando al capitolo Master League, non ho avuto modo di scoprire se i giocatori, una volta ritirati, si rigenerano oppure semplicemente escono dalla partita, lasciando il posto a giocatori nuovi ottenuti incrociando i dati nel database: la speranza è quella di non vedere di nuovo Pirlo e Totti ritirarsi dopo un anno e ricomparire diciottenni in qualche squadra sconosciuta. Altra opzione che avrei apprezzato all’interno della Master League sarebbe stata la possibilità di avanzare automaticamente ad una certa data futura: può capitare di stufarsi di una squadra a metà stagione ma di voler mantenere la carriera in corso. In quel caso saremo di nuovo costretti ad avanzare simulando partita per partita fino alla fine.

pes2016-gamescom-masterleaguejuv-ucl_1438752429
( La nuova veste grafica della Master League è ben riuscita: semplice e molto intuitiva. )

Analizzati tutti i punti di nostro interesse, è il momento di tirare le somme: Pes 2016 si presenta come un ottimo gioco di calcio, pensato per chi il calcio lo ama. Se vi piace costruire l’azione dalla difesa, ragionare la manovra ed avere grosse soddisfazioni ad ogni gol realizzato, questo è il gioco che fa per voi. Se invece siete amanti dei campionati sconosciuti e volete un gioco con tante licenze, resterete un poco delusi. Fortunatamente da questo punto di vista esiste il buon editor di Pes, e chissà che qualcuno non faccia una propria patch sostituendo alle leghe inventate squadre da tutto il mondo, magliette ufficiali e quant’altro.

di Luca Pisoni

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...