#BEARDGANG: I MIEI CONSIGLI PER UNA BARBA AL TOP

Alessandro Manfredini 3

Per noi amanti della barba l’ultimo biennio è stato una manna: un tempo sinonimo di trascuratezza e considerata out, la barba è ora tornata ad essere un vero e proprio emblema della virilità. Una tendenza “social”: sono molti infatti i personaggi che hanno incrementato la propria popolarità, facendo della barba un vero e proprio culto, grazie ai social network: penso a Ricki Hall,a Josh Mario John e al nostrano Alessandro Manfredini (in foto sopra), per citarne alcuni. Ormai eletti veri e propri sex symbols dal popolo della rete, questi modelli sfoggiano fieri la loro lunga barba, dando un calcio alla triste moda dell’uomo forgiato dall’estetista a colpi di cerette, sopracciglia e manicure. Bene, ora che i tempi sono propizi anche noi siamo pronti a far crescere la nostra barba, ma troppo spesso cadiamo nell’errore di limitarci a dimenticare il rasoio in un remoto angolo del nostro bagno. L’articolo di oggi vuole essere una guida pratica, semplice e alla portata di tutti per arrivare ad avere una bella barba, da portare orgogliosamente.

Piccola premessa: non sono un barbiere, quello che scriverò sarà meramente basato sulla mia esperienza personale.

Il primo, fondamentale, passo sta nella scelta del tipo di barba che vorrete: potete prendere spunto, ad esempio, da un personaggio famoso. È necessario poi procurarsi alcuni prodotti vitali per la cura della barba. Sì, perché la barba va curata, esattamente come curate i vostri capelli. Di seguito un elenco di operazioni e prodotti che vi permetteranno di avere una barba morbida e lucente in poco tempo (e senza spendere troppo)!

  • Mettete via il rasoio…ma non per sempre! Partite con una rasatura completa, e dimenticatevi il rasoio almeno per un paio di settimane. Passato questo lasso di tempo, la vostra barba dovrebbe avere già raggiunto una lunghezza tale per cui necessiterà qualche aggiustamento: entra qui in gioco il vostro primo accessorio. Dovrete infatti procurarvi un regolabarba: io ho optato per un Philips a 17 lunghezze, ottimo rapporto qualità/prezzo. Il mio consiglio è di regolarlo sui 3mm e passarlo lungo tutta la superficie coperta dalla barba. Se non doveste aver raggiunto i 3 mm di lunghezza, limitatevi ad usare il regolabarba senza pettine e lavorate sui peli più lunghi in modo da avere una lunghezza omogenea. Proseguite con queste operazioni una volta la settimana, aumentando man mano la lunghezza fino a raggiungere quella desiderata. Quando la vostra barba sarà folta, è importante che la teniate in ordine con questa operazione per eliminare i peli troppo lunghi.
  • Pulizia e idratazione: proprio come i capelli, anche la barba necessita cure. Qui entrano in gioco saponi e oli idratanti: in questi due anni sono nate tantissime aziende che si occupano della produzione di questi accessori, pertanto avrete l’imbarazzo della scelta. Il mio consiglio riguarda due prodotti con i quali mi sono trovato molto bene: il primo è un detergente per barba e viso “Kalamazoo” della Lush, veramente ottimo per la pulizia. Per l’idratazione consiglio invece il “Dr K beard oil”, prodotto in Irlanda, che si può tranquillamente trovare in diversi store italiani di eBay. Dr K produce anche un sapone per la pulizia (anche questo molto buono) e vi è inoltre la possibilità di acquistare un pacchetto completo di sapone, olio, pettine e spazzola pensati apposta per la barba. Sugli usi, il mio consiglio è di lavare la barba una volta la settimana, preoccupandoci di mantenerla invece idratata ogni giorno: basteranno 5/6 gocce di olio da applicare due volte al giorno. È importante iniziare da subito l’idratazione per favorirne anche la crescita.
premiumbeardcareset_kent20t_drkscissors__53242-1440995088-1000-800
( Il set per la cura della barba by Dr K è un ottimo punto di partenza )
  • Evitare i nodi: procuratevi un pettine a denti stretti, non troppo grande, e assicuratevi di pettinare la vostra barba ogni giorno almeno un paio di volte (quando sarà abbastanza lunga da essere pettinata, diciamo dopo un paio di settimane). Movimenti decisi, dall’alto verso il basso. Eviterete così il formarsi di nodi fastidiosi che renderanno inoltre più difficoltosa la crescita.
  • Baffi: l’ultimo acquisto che vi consigliamo è una forbice di piccole dimensioni, adatta al taglio dei baffi. Un baffo curato può dare veramente una marcia in più all’effetto complessivo della vostra barba, quindi non sottovalutate questo aspetto. Utilizzatela per tagliare i peli troppo lunghi e per dare uniformità. Fondamentale è evitare che i baffi si sovrappongano alle labbra, per il resto potete regolarli come preferite, magari utilizzando anche una cera per modellarli.

Per concludere, un altro piccolo appunto personale: non disdegnate la possibilità di affidarvi ad un professionista, magari il vostro barbiere di fiducia. Una mano esperta ogni tanto (ad esempio ogni due mesi) può correggere i vostri piccoli (ed inevitabili) errori, e garantirvi risultati migliori anche nella successiva cura “homemade”. Inoltre ci vuole pazienza. Molta, perché non a tutti potrebbe crescere rapidamente una barba folta: in alcuni casi potrebbe volerci più delle due settimane citate sopra. Quindi non arrendetevi al primo tentativo e la vostra perseveranza sarà premiata!

di Luca Pisoni

Annunci

1 Comment

  1. Io ho provato un olio allo zenzero e’ fantastico solo costa 20€ per 30 ml quindi ora ho iniziato ad autoprodurlo oleolito allo zenzero homemade 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...